Chi siamo

Da oltre un millennio l'Italia e la Germania sono legate da una storia ricca di alterne vicende. L'Italia più di qualsiasi altro paese al mondo ha sempre suscitato presso i tedeschi una forte attrazione e la ricchezza culturale dell’Italia anche nella Germania attuale è sempre presente.
 
La Deutsch-Italienische Vereinigung a Francoforte, una città che da secoli nutre stretti legami con l'Italia e non a caso è amministrata dal «Römer», si riallaccia ad una lunga tradizione. Fondata nel 1966 per iniziativa privata la Vereinigung si adopera di «promuovere e approfondire i rapporti culturali, scientifici e umani fra l'Italia e la Germania».

Attività

La Deutsch-Italienische Vereinigung e.V. offre corsi di lingua italiana per diversi livelli. Organizza conferenze su temi riguardanti la Germania e l'Italia, letture, concerti di musica italiana e cura pubblicazioni sulla letteratura, la lingua e l'arte italiana. La Frankfurter Westend Galerie funge da centro espositivo per mostre di artisti italiani contemporanei come anche di artisti tedeschi che siano in stretta relazione con l'Italia.

Nel 1992 nella stessa sede fu fondata La Frankfurter Stiftung für deutsch-italienische Studien (Fondazione per gli studi italo-tedeschi), unica Fondazione che si dedica esclusivamente ai rapporti culturali e scientifici italo-tedeschi. La Fondazione sponsorizza la rivista «Italienisch», la prima rivista di Italianistica in Germania che dal 1979 si occupa esclusivamente della lingua e della letteratura italiana. «Italienisch» è organo ufficiale dell’Associazione degli Italianisti tedeschi. La Fondazione ha sostenuto numerose pubblicazioni nel campo della storia dell'arte, della letteratura e della linguistica italiana, la musicologia, la storia della civiltà e la giurisprudenza.

La villa nel quartiere Westend di Francoforte, sede della Vereinigung e della Fondazione, è aperta a tutti gli interessati alla cultura italiana.